Jump on the link

Castello di Portomaggiore

Castello di Portomaggiore




È probabile che venne costruito a partire dal 1344. Fino ad un secolo fa era possibile vederne i resti non lontano dalla chiesa della Collegiata, in un luogo elevato che aveva il nome “Castello” ed era circondato da profondi fossati. Del fabbricato, degli appartamenti, delle stanze per gli «ufiziali della corte, della stalla coperta da copi per ottanta cavalli et stanza per caroze» si hanno soltanto ricordi. Della « beccaria et granaro de sora da biava» si trovano precise notizie nell’inventario dei beni di Alfonso II redatto nel 1598. In questo castello, il 12 agosto del 1424 Parisina Malatesta, sventurata moglie di Nicolò III d’Este, per timore che il focolaio di peste scoppiato a Ferrara potesse diffondersi a Portomaggiore in occasione della Sagra, scrisse una lettera ai suoi fattori raccomandandogli di non andare alla festa “onde non portare calamità” in quei luoghi. Del castello oggi nulla è rimasto; gli scavi eseguiti nel 1924 nell’orto della Montagnola, sulla strada per Portoverrara, hanno portato alla luce i resti delle potenti mura, delle grandi arcate e frammenti di terraglie.

Mappa