Jump on the link

Corso Porta Mare

Corso Porta Mare
Questo grande corso venne voluto dal Duca Ercole I d’Este nel 1497 durante i lavori dell’Addizione erculea. Anticamente questa strada terminava contro le mura, attraversabili passando per la porta situata al fianco del torrione di San Giovanni, ancora oggi esistente. L’antica porta venne demolita nel 1909 per consentire il passaggio di una linea ferrotranviaria, risparmiando però il torrione circolare. In passato venne chiamata “Via dei Prioni”, perché pavimentata con grossi ciottoli (in veneto “prioni” significa “pietroni”) e “Strada di San Giovanni Battista” per la grande chiesa la cui facciata è rivolta su questo corso. Oggi è chiamata “corso Porta Mare” perché uscendo da essa e proseguendo per Copparo e Jolanda di Savoia si giunge al Mare Adriatico.
Troviamo in questa grande strada, al numero 9 il palazzo Bevilacqua con a fianco un grandissimo parco oggi pubblico chiamato Parco Massari, come la palazzina di proprietà di quella famiglia. In questo bel palazzo nel 1722 soggiornò il re inglese Giacomo III assieme alla moglie mentre nel 1826 vi si stanziò l’Ordine di Malta o dei Cavalieri del Santo Sepolcro. Oggi ospita il “Museo Civico d’arte moderna e contemporanea”. Troviamo poi al numero 11 il palazzo Cremonini che ospitò 1537 la famiglia fiorentina degli Aldobrandini; n questo stabile visse anche Ippolito degli Aldobrandini che diverrà papa Clemente VIII, colui che devolverà Ferrara nel 1598 alla Santa Sede.