Jump on the link

Delizia di Consandolo

Delizia di Consandolo




La tradizione vuole la delizia sia identificabile nell’ antica e signorile costruzione detto “Il Conventone”, demolito e ricostruito nel XIX secolo. Fatta costruire dal marchese di Ferrara Nicolò III d’Este (1393-1441), fu dimora di Parisina Malatesta, la sua sfortunata moglie. Nel 1540 Ercole II, duca di Ferrara dal 1534 al 1559, donò la Delizia di Consandolo alla moglie Renata, figlia di Luigi XII Re di Francia, che vi abitò per un lungo periodo, forse in un esilio più o meno forzato a causa delle sue simpatie per il protestantesimo. Dopo la Devoluzione del 1598, causata dalla mancata discendenza diretta, e con la presa del potere da parte della Chiesa, la Delizia passò nelle mani dei marchesi Rondinelli che la tennero fino al XIX secolo. Alla fine dell’Ottocento il palazzo ducale di Consandolo era definitivamente scomparso; a tutt’oggi sono ancora presenti il giardino della Delizia, la castalderia e le scuderie. La storiografia locale ricorda che ancora nel 1924, dietro ad una locanda della piazza, si vedevano alcuni resti sormontati dallo stemma estense. La piccola delizia era decorata da opere di famosi pittori e scultori.

Mappa