Gaetano Recchi - Il portale dei monumenti di Ferrara, Castello Estense, Palazzo dei Diamanti, Casa Romei Jump on the link

Gaetano Recchi

Gaetano Recchi




Nacque a Ferrara nel 1798. Rimase quando era ancora bimbo orfano di padre. Frequentò il Liceo di Ferrara ed in seguito i collegi di Bologna e Siena. Si iscrisse alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Ferrara ma abbandonò gli studi prima di raggiungere la laurea. Nel 1829 pubblicò il suo primo intervento sulla condizione dell’insegnamento a Ferrara. Si susseguirono negli anni seguenti altri suoi scritti in cui emerse un interesse per la sua città, per la quale propose la costruzione di un canale navigabile per collegare Ferrara all’Adriatico, la realizzazione di una zona di libero scambio per i prodotti agricoli e di una Pinacoteca comunale. Durante i moti del 1830-1831 si impegnò nell’azione politica partecipando ai moti che si svilupparono nell’area emiliana. Con il ritorno del potere pontificio Recchi fu costretto a fuggire in esilio in Francia. Nel maggio 1838, assieme al conte Alessandro Masi, fondò la Cassa di Risparmio di Ferrara, una delle prime dello Stato Pontificio e d’Italia, che iniziò la sua attività il 5 febbraio 1839. Recchi ricoprì anche incarichi di governo: fu Ministro dell’’Interno nel ministero liberale di Pio IX e fu membro del Consiglio Pontificio. Fu uno dei soci fondatori della Sezione orticola di giardinaggio. Persona di grande bontà, umanità e gentilezza, la sua vita venne stroncata da una malattia; negli ultimi anni di vita si dedicò alle persone che lo amavano.