Giovanni Battista Aleotti - Il portale dei monumenti di Ferrara, Castello Estense, Palazzo dei Diamanti, Casa Romei Jump on the link

Giovanni Battista Aleotti

Giovanni Battista Aleotti
Nasce nel 1546. È chiamato “l’Argenta” dal nome del paese d’origine. Nel 1560 si trasferisce a Ferrara dove approfondisce gli studi di architettura e matematica. I suoi primi lavori documentati riguardano rilevamenti topografici di terreni del Polesine effettuati nel 1566 mentre le prime esperienze come architetto avvengono nel 1575, al servizio del duca Alfonso II d’Este. Alla fine del Cinquecento Aleotti passa al servizio della famiglia Bentivoglio che diventerà per l’architetto la committenza più importante. Aleotti diventa conosciuto anche come scenografo teatrale ed allestitore di “macchine” che egli realizzò in occasione di particolari festeggiamenti. Con la Devoluzione di Ferrara (1597) passò a lavorare per il papa, Clemente VIII. Nel 1601 espone all’assemblea cardinalizia il suo trattato Dell’interrimento del Po di Ferrara e divergenza delle sue acque nel ramo di Ficarolo. Negli anni successivi realizza, a Ferrara, il monumento tombale di Ludovico Ariosto, la Porta Paola è la chiesa di San Carlo; l’opera, però, più imponente dell’Aleotti è l’erezione della Fortezza pontificia che l’architetto portò a termine nel 1618. Nel 1627, ormai in età avanzatissima, realizza la sua ultima opera architettonica, la Cappella del Santissimo Sacramento nella chiesa di Sant’Andrea a Ferrara. La morte che lo coglie il 12 dicembre 1636.