Guarino da Verona - Il portale dei monumenti di Ferrara, Castello Estense, Palazzo dei Diamanti, Casa Romei Jump on the link

Guarino da Verona

Guarino da Verona

Il suo vero nome di battesimo era Varino ma, per corruzione, fu sempre chiamato Guarino, uno pseudonimo che poi, sotto la forma di “Guarini”, trasmise ai suoi discendenti. Venne avviato allo studio dei classici latini da Giovanni Conversini. Incuriosito dagli autori greci, a cui le opere latine spesso alludevano, cominciò a studiare la lingua greca. Nel 1388 si trasferì a Costantinopoli dove fu presentato ad Emanuele Crisolora, stimato studioso e letterato, che decise di fargli da maestro. Raggiunta la piena padronanza del greco Guarino tornò in Italia dove si affermò a Venezia come insegnante privato di greco. A Firenze gli venne offerta, da Niccolò Niccoli, la cattedra di greco presso lo Studio Fiorentino ma le calunnie e le umiliazioni di Niccoli lo costrinsero ad abbandonare la città. Ritornò a Venezia nel 1411 dove aprì una scuola di greco. Nel 1420, per amore della sua città natale, Verona, accettò la cattedra di lingua e letteratura greca che gli verrà soppressa nel 1249. Venne chiamato a Ferrara da Niccolò III d’Este per affidargli l’educazione del figlio Leonello. Nel 1441 Leonello elesse Guarino alla cattedra di eloquenza e di lettere latine e greche presso l’Università di Ferrara. Alla morte di Leonello, la città di Verona fece di tutto per riavere indietro Guarino il quale decise di rimanere a Ferrara. Morì nel 1460.