Leopoldo Cicognara - Il portale dei monumenti di Ferrara, Castello Estense, Palazzo dei Diamanti, Casa Romei Jump on the link

Leopoldo Cicognara

Leopoldo Cicognara

Il conte Francesco Leopoldo Cicognara nacque a Ferrara nel 1767. Inizialmente si occupò delle scienze matematiche e fisiche; fu notato da Scarpa e da Lazzaro Spallanzani, quest’ultimo considerato il “padre scientifico” della fecondazione artificiale o assistita. Cicognara inizialmente si trasferì a Roma per alcuni anni dedicandosi alla pittura ed allo studio delle antichità, in seguito visitò Napoli e la Sicilia per poi, dopo aver esplorato l’isola, spostarsi a Firenze, a Milano, a Bologna e a Venezia, acquistando una conoscenza archeologica completa di queste ed altre città. Nel 1795 Cicognara si stabilì a Modena e per dodici anni si impegnò nella politica; fu infatti un membro del corpo legislativo, un consigliere di stato e un ministro della Repubblica Cisalpina a Torino. Venne decorato da Napoleone Bonaparte con la corona di ferro e nel 1808 nominato presidente dell’Accademia di Belle Arti a Venezia; nello stesso anno pubblicò il trattato Del bello ragionamenti dedicato all’imperatore francese. In seguito pubblicò il magnum opus e la Storia della scultura dal suo risorgimento in Italia al secolo di Napoleone. Nel 1814, alla caduta di Napoleone, Cicognara venne patrocinato dall’imperatore Francesco I d’Austria e fra il 1815 e il 1820 pubblicò l’opera Le fabbriche più cospicue di Venezia; all’imperatrice Carolina di Vienna le dedicò invece il libro Omaggio delle provincie Venete alla maestà di Carolina Augusta. Ridotto in povertà, Cicognara perse anche il favore degli imperatori a causa delle sue opinioni politiche. Lasciò Venezia per ritornare a Roma e la sua libreria venne messa in vendita. Nel 1821 pubblicò a Pisa un catalogo dei libri d’arte e d’antichità da lui posseduti che venne comprato in blocco da papa Leone XII ed inserito nella Biblioteca Vaticana. Altra sua opera è la Continuazione delle Memorie istoriche di letterati ferraresi, una continuazione delle Memorie storiche de litterati ed artisti Ferraresi di Giovanni Andrea Barotti. Cicognara morì a Venezia nel 1834 ed oggi si trova sepolto nella Certosa di Ferrara.