Jump on the link

Paolo Mazza

Paolo Mazza




Nacque a Vigarano Mainarda, provincia di Ferrara, nel 1901. Si trasferì giovanissimo a Portomaggiore, dedicandosi fin da giovanissimo ad una carriera da elettricista. Giocò anche senza grande successo nella squadra di Portomaggiore, la Portuense. Con la squadra rossonera militò negli anni Venti e Trenta in campionati minori e, una volta appesa la maglia ne divenne allenatore in Serie C. Nel 1936 venne chiamato per la prima volta ad allenare la SPAL caduta in Serie C; Mazza porterà la squadra al terzo posto sfiorando la promozione in Serie B. Tornò nella medesima società nel 1939. Nel dopoguerra Mazza divenne prima direttore sportivo della rinata SPAL e poi, nel 1946, presidente della società. A cavallo fra gli anni Quaranta e Cinquanta Mazza valorizza numerosi giovani calciatori fino a quel momento sconosciuti; nel 1951, con Mazza presidente, la SPAL ritornò in Serie A, la prima volta da quando nel 1929 venne istituito il girone unico. Il primo ciclo della SPAL in Serie A si chiuse nel 1964 ed in quei tredici anni Mazza sforna nuovi campioni. Dopo un anno di purgatorio la SPAL di Mazza tornò nel 1965 in Serie A dove rimarrà sino al 1968. Venne poi retrocessa in Serie C dove vi resterà sino al 1973. Mazza rimase presidente della squadra sino al 1976 quando, in modo poco elegante, verrà costretto alle dimissioni dalla società. Morì nel 1981 e sepolto nel cimitero di Ferrara. A seguito della sua morte gli venne intitolato, nel 1982, lo stadio di calcio di Ferrara.