Jump on the link

Via Garibaldi

Via Garibaldi
Ha inizio dalla piazza del Municipio e termina in corso Isonzo. Prima che venisse creata la piazza Municipale, questa strada iniziava dal Volto del Cavallo adiacente. È una delle strade più antiche di tutta la città e ai primordi della sua formazione venne chiamata “Strada della Rotta” da una delle tante inondazioni che invasero la città nel Medioevo. In tempi più remoti questa strada, come via Carlo Mayr, percorreva un lato della “Fossa Civitatis”, a nord dell’insediamento urbano primitivo (VIII- XII sec.); la suddetta fossa venne interrata poco prima della fondazione della fabbrica del Duomo e la via prese il secondo nome di “Via dei Sabbioni”. Fu in passato chiamata “Strada di Santa Giustina”, dal nome dell’antichissima chiesetta che si apre in Piazzetta Cortebella, e “Strada del Monte vecchio” per l’esistenza sin dal Quattrocento del Monte di Pietà.
Nel 1860 il Comune decise di dedicare questa via a Giuseppe Garibaldi, eroe dei due mondi.
In questa via troviamo, al civico 90, il bellissimo palazzo Bentivoglio, fatto erigere dal duca Borso d’Este nel 1499; in questo palazzo abitò la nobile stirpe dei Pasini, il Principe Alberto d’Este e i Conti Roverella. Ci sostò persino il generale Napoleone Bonaparte, nel 1796. Al civico 61 di via Garibaldi si trova il palazzo Forzatè fatto costruire alla metà del Quattrocento ed appartenuto in seguito ai Visconti, ai Novara e agli Anelli.